La morte improvvisa per arresto cardiaco NON è un evento raro!

TRADITO DAL CUORE SUL TAPIS ROULANT

10/04/2010 – Sedicenne muore in palestra mentre si allena.

VENTURINA. È morto a 16 anni, mentre si stava riscaldando su un tapis roulant. Il cuore di Nicolò Di Perna, si è fermato durante un allenamento in palestra. Doveva essere un sabato qualunque per Nicolò, che frequentava la terza all’istituto tecnico commerciale Einaudi di Piombino. E invece, i suoi amici, lo hanno visto uscire dalla palestra dove era entrato qualche ora prima sulla barella della Croce Rossa di Venturina. Avvolto in un lenzuolo bianco, che lasciava scoperta soltanto una scarpa da ginnastica.  Nicolò era andato in palestra con un amico.

Era salito sul tapis roulant, per fare un po’ di riscaldamento. Dopo pochi minuti, si è accasciato. Un malore, improvviso. Il personale della palestra ha chiamato subito l’ambulanza, e il medico ha tentato di rianimarlo. Ma il suo cuore non ha retto. Si è fermato.
La mamma Edy, che lavora all’Atm, l’azienda di trasporti pubblici di Piombino, e il babbo, Pino, dipendente di una ditta di trasporti in Magona,  hanno il compito più difficile: quello di sopravvivere al loro unico figlio.

ARRESTO CARDIACO, MUORE GIOCATORE SWANSEA

(ANSA) – LONDRA,15/05/2010 – Besian Idrizaj,  giocatore dello Swansea, e’ morto a 22 anni per un arresto cardiaco durante il sonno. Lo ha reso noto il suo club. Il giovane attaccante è purtroppo deceduto. Sembra che il giocatore sia morto la notte scorsa mentre dormiva nella casa di famiglia in Austria, spiega il club gallese del giocatore.

RAGAZZA NAPOLETANA DI 19 ANNI MUORE PER ARRESTO CARDIACO APPENA FUORI DALL’AUTOSTRADA NEI PRESSI DEL CASELLO

sabato 6 giugno 2009 – È successo questa mattina intorno alle 7:30 a Manocalzati.

Tre ragazze di Napoli, tutte tra i 19 e 27 anni, stavano percorrendo l’autostrada in direzione Benevento, ove stavano andando a trovare i mariti, quando, arrivati all’altezza di Avellino, una delle tre ha iniziato a sentirsi male. La ragazza, che già da tempo soffriva di problemi di pressione, ha costretto le due amiche a uscire dall’autostrada al casello di Avellino Est, alla ricerca dei soccorsi, ma non ce l’ha fatta. Appena pagato il pedaggio, l’automobile si è fermata a bordo strada per permettere alla ragazza di scendere e prendere una boccata d’aria, ma la giovane donna, appena scesa, si è accasciata al suolo, esalando gli ultimi respiri. Immediato l’allarme delle amiche al 118 ed ai carabinieri, ma anche i medici dell’ambulanza non hanno potuto che constatarne la morte.

MUORE BIMBA DI 9 ANNI PER ARRESTO CARDIACO

14/07/2009 – Una tremenda tragedia ha colpito una famiglia di Caserta, la morte della loro bambina di nove anni Marianna.  La dinamica appare abbastanza chiara nella sua drammaticità. La piccola  sembra non si sia svegliata dal sonno, la mamma angosciata ha cercato di contattare il cardiologo di famiglia, ma per un’altra tremenda fatalità non è riuscita a contattarlo. A quel punto veniva chiamato il servizio di pronto intervento del 118 che si precipitava sul posto e provvedeva a trasportare la piccola presso l’Ospedale di Caserta, purtroppo i medici potevano solo constatarne il decesso che, da una prima disamina, è riconducibile appunto ad un attacco di cuore.

TRAGEDIA A BOTTEGONE: MUORE  22ENNE  PER ARRESTO CARDIACO

26 novembre  2009 – Tragedia ieri mattina, poco dopo le otto, all’ interno del Salumificio Bottegone, alle porte di Pistoia.
Razvan Jonut Rotaru, un giovane di 22 anni, è morto mentre stava lavorando, vittima di un arresto cardiaco.
Adesso si attendono i risultati dell’ autopsia per capire cosa abbia provocato l’ improvviso malore.

PISA – MUORE 29ENNE PER ARRESTO CARDIACO

7/1/2010 – Giovanni D’Angelo, un imprenditore edile di 29 anni, originario di Cascina in provincia di Pisa, è morto per un arresto cardiaco lunedì sera alle 23. L’uomo era sposato e aveva un figlio di 4 mesi. La Procura ha aperto un’inchiesta.

ARRESTO CARDIACO, E’ MORTO GAINES ADAMS

17-01-2010 22:13 – Il giocatore dei Chicago Bears era stato colpito dall’attacco mentre era a casa. Un arresto cardiaco ha causato la morte di Gaines Adams, difensore dei Chicago Bears. Il giocatore si era sentito male mentre si trovava a casa e, quando era stato trasportato nel reparto emergenze del Self Regional Hospital, era stato dichiarato morto. E’ stata l’autopsia preliminare, in base a quanto si apprende, a identificare la causa del decesso. Secondo quanto riferito dai parenti di Adams, il giocatore non soffriva di patologie cardiache.

RAGAZZO 17ENNE MUORE DOPO UN TUFFO

7 maggio 2009 - Emanuele Belluno originario di Pagani, è morto a causa di un arresto cardiaco dopo essersi tuffato in mare. Il triste episodio è accaduto a Salerno, all’altezza della spiaggia del Lungomare Tafuri.

TREVISO/ 26 ANNI, MUORE NEL SONNO: TROVATA DAI POMPIERI DOPO 10 ORE, SI PENSA AD ARRESTO CARDIACO.

18 giugno 2009 – Cena con i genitori, poi va a dormire e muore nel sonno. È la tragica storia di Linda Martorel, 26 anni, residente  in provincia di Treviso. A trovarla sono stati i vigili del fuoco, chiamati dai genitori della donna, allarmati dal fatto che non rispondesse al telefono.La giovane aveva cenato con i genitori martedì sera e poi era andata casa. Il primo referto parla di morte naturale provocata da un arresto cardiaco.

OPERAIO MUORE SULLA SPIAGGIA DI TROPEA

15 luglio 2009 – Era tornato dalla Germania, dove lavorava, nella sua Calabria per un periodo di vacanza. Ma Antonio Chiappetta, in spiaggia alla Madonna dell’Isola di Tropea, si è sentito male mentre prendeva il sole ed è morto.  Il medico legale Katiuscia Bisogni ha accertato il decesso per arresto cardiaco.

MUORE RAGAZZO DI 14 ANNI

29 novembre 2009 – Un ragazzo di 14 anni, Luca Pagani, residente a Grumello del Monte (Bergamo), è morto dopo essere caduto dalla moto, probabilmente in seguito a un improvviso malore.

All’arrivo dei soccorritori, giunti in elicottero, il giovane era già in arresto cardiaco. Secondo i medici, le ferite riportate nella caduta erano lievi e comunque non tali da provocare la morte del ragazzo.

È probabile dunque che il giovane sia stato colpito da un attacco cardiaco, appena prima della caduta, o subito dopo.

ARRESTO CARDIACO, OPERAIO MUORE IN STRADA

Un operaio di 49 anni, Paolo Arzuffi,  è morto nella tarda mattinata di domenica 9 maggio 2010 a Grignano, frazione di Brembate. L’uomo era a piedi, per strada, quando ha accusato un malore improvviso ed è caduto a terra. I medici hanno poi accertato che si è trattato di un arresto cardiaco. Sul posto è intervenuto il 118, con un’autoambulanza, ma i tentativi di salvare la vita al 49enne sono stati vani. I fatti si sono verificati attorno alle 10,45 nei pressi della chiesa di Grignano di Brembate.

ARRESTO CARDIACO, MUORE IL VICESINDACO DI CREDARO

18/02/2010 – Era uscito per una piccola commissione ma non è più rientrato. Un arresto cardiaco l’ha sorpreso mentre era alla guida della sua auto. Luigi Paris, 48 anni vicesindaco di Credaro, è morto appena uscito dal suo negozio. L’hanno trovato nella sua auto dopo che la moglie Francesca, avendo atteso invano il suo ritorno, aveva dato l’allarme. Verso le 11.30 si era allontanato dal suo negozio – gestiva insieme alla moglie una rivendita di giornali – per andare in posta. Ma dopo più di un’ora la moglie non vedendolo tornare aveva chiesto aiuto ai famigliari. Luigi Paris è stato trovato accasciato sul volante.

MUORE A 29 ANNI, STRONCATO DA UN ARRESTO CARDIACO

12/7/08 – Era andato a Suzzara nell’abitazione dei genitori, che erano in vacanza, per annaffiare il giardino e controllare che tutto fosse in ordine. Matteo Bernardelli, 29enne residente a Campagnola, è stato trovato riverso all’interno della sua Fiat 500  da alcuni ragazzi che stavano tornando da una serata in pizzeria. All’arrivo del personale medico del 118 non c’era più nulla da fare. Il referto medico parla di arresto cardiocircolatorio.

PESCARA: SEDICENNE MUORE SOTTO LA DOCCIA

17/03/2010 – Una ragazza di sedici anni di Pescara è morta ieri sera, probabilmente per un arresto cardiaco, mentre si trovava nel bagno della sua abitazione, in via Lago di Piediluco.
La ragazza aveva detto ai genitori di volersi fare una doccia.
Quando i genitori hanno visto che la ragazza non usciva dal bagno, si sono preoccupati ed hanno iniziato a chiamarla senza avere risposta.
Pochi secondi dopo la tragica scoperta: la ragazza era riversa sul pavimento, priva di sensi.
Sul posto sono arrivati i soccorsi del 118, che però non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

Lascia un Commento