Fratellanza Popolare Caldine inaugura la nuova ambulanza Delta33

Dalla nostra Associazione, un ringraziamento dal profondo del cuore a questi Volontari per l’impegno e la determinazione nel raggiungere il loro obiettivo primario: “AIUTARE IL PROSSIMO”..

La Fratellanza Popolare di Caldine ha ben 64 Volontari abilitati all’uso del defibrillatore, ci risulta che al momento sia l’unica Associazione del comprensorio Fiorentino (anche se ci auguriamo che non rimanga l’unica ma sia solo la prima) a poter assicurare l’intervento di un mezzo con defibrillatore a bordo (e con persone addestrate ad usarlo) 24h su 24h.

Visto l’alto numero dei Volontari abilitati e vista la loro determinazione e sensibilità sul problema della Rianimazione Cardio Polmonare unita alla Defibrillazione Precoce, la nostra Associazione donerà un secondo defibrillatore proprio per assicurarne la disponibilità veramente 24h su 24h.

Bravi ragazzi.. siete grandi!!

Questa voce è stata pubblicata in Iniziative e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Fratellanza Popolare Caldine inaugura la nuova ambulanza Delta33

  1. Ugur scrive:

    In ogni caso, non dimentichiamoci che per prendere la scossa bisogna sempre avere due punti di contatto: uno solo non basta. E nel caso del defibrillatore impiantabile mi sembra una eventualità molto difficile da realizzare.Il defribillatore impiantabile ha le stesse dimensioni (e sostanzialmente lo stesso funzionamento) del Pacemaker. Le differenze stanno essenzialmente nel tipo di corrente elettrica applicata, nel momento in cui viene applicata e nel punto di applicazione. Senza entrare in particolari tecnici (che peraltro non sono di mia competenza essendo io un tecnico radiologo) il pacemaker ha la punta dell’elettrodo che viene posizionata dove l’impulso cardiaco naturale manca; un esempio lo si ha per i pazienti affetti dal “blocco di branca”. Il blocco di branca è una patologia nella quale il segnale elettrico che genera la contrazione cardiaca e che dovrebbe proseguire verso i 2 ventricoli si interrompe in qualche punto lungo il percorso. Di solito il pace viene impiantato per il blocco di branca sn (e cioè per la mancata contrazione del ventricolo sinistro, il cui funzionamento perfetto è fondamentale per la vita molto più del ventricolo destro).Il defribillatore impiantabile invece ha l’elettrodo che viene posiizionato quasi sempre all’estremite0 destra in alto del cuore (dove dovrebbe partire l’impulso naturale della contrazione cardiaca) ed ha un secondo elettrodo che viene impiantato di solito sulla punta del cuore. Tali elettrodi possono (nel caso di pacemaker-defribillatore) essere usati appunto alternativaemnte da una o dall’altra funzione, e regolati dall’elettronica che continuamente “traccia” un ECG e lo interpreta.A proposito di elettrodi, teoricamente anche un pacemaker “puro” ha bisogno di 2 elettrodi, solo che in quel caso uno è il filo da dove parte l’impulso, e l’altro è il corpo del pacemaker stesso.Spero di esser stato chiaro nella spiegazione, eventualmente Wee Wee puf2 tranquillamente correggermi. In fondo lui è un laureato “vero” e specializzato, io ho solo una specialistica breve.

  2. mara scrive:

    Sapere che nella zona dove vivo ci sono delle persone dotate delle conoscenze e delle attrezzature salvavita mi rende orgogliosa e mi fa semtire più sicura.Grazie ai volontari della Fratellanza e alla Associazione Niccotestini.

Lascia un Commento